01 scheda per richiesta analisi - Gesso

Scuola di Alta Formazione ISCR – Sede di Matera

____________________________________________________________________

 

 

SCHEDA richiesta indagini scientifiche

 

A cura del docente di restauro

 


Numero scheda

 

 

Opera

Altorilievo con “Scena di Sacrificio”, inizi XX secolo

Museo della Civiltà Romana, Roma


Immagine

Altorilievo img

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Descrizione

Calco in gesso patinato, con struttura in legno e metallo. Scopo dell’indagine

Identificazione del legante, o di più leganti, utilizzati nelle patinature e successione stratigrafica delle patinature stesse. Su tutta la superficie dell’altorilievo è stata rilevata la presenza di patine e/o di materiale sovrammesso che non è stato possibile identificare.

Data della richiesta

22.03.2018

Richiedente 

Docenti: Maria Cristina Tomassetti – Chiara Arrighi

Studenti: F. Castiello, S. Dichiara, M. Giandomenico, S. Muca

Eventuali analisi già eseguite

 

altro

A una prima analisi visiva l’opera sembra presentare due tipologie di patine, una translucida di colore giallo chiaro ed una opaca di colore grigio chiaro in corrispondenza delle zone di maggiore ombra del rilievo (a sottolineare il modellato). Con mini video microscopio portatile (Dino-Lite) a 200 x sono stati osservati granuli di pigmento (blu oltremare, terre rosse e gialle, nero), che conferiscono una leggera coloritura alla patina.

Sono state già condotte prove di pulitura per alleggerire la patina, laddove si presenta più spessa e alterata cromaticamente. Questa è infatti molto disomogenea, essendo del tutto assente in alcune aree e raggiungendo notevole spessore nella parte inferiore del rilievo e sulle superfici orizzontali. Le zone involontariamente risparmiate fanno presumere che la patinatura fosse trasparente al momento dell’applicazione (cera, oleo-resina?).

In successione i sistemi di pulitura usati sono:

  • Trattamento 1: emulsione grassa neutra (acqua 10 ml , ligroina - etere di petrolio con intervallo di ebollizione tra 100 -120 - 90 ml, Tween 20 - tensioattivo non ionico -  4 ml);
  • Trattamento 2: emulsione grassa pH 5-6, preparata come sopra con l’aggiunta di acido citrico;
  • Trattamento 3: gel chelante a pH 7 e 8 (di acido poliacrilico, acido citrico e TEA).
  • La ligroina applicata a tampone riesce ad alleggerire solo parte della patina più sottile.

 

Piano diagnostico (analisi da eseguire)


Indagine

Descrizione

Data

Sezione lucida

Studio della successione stratigrafica della patina

 

analisi FTIR

Riconoscimento di materiale organico (patina) sovrapposto

 

diffrazione XRD

Riconoscimento del materiale sovrammesso di natura presumibilmente inorganica

 

<<<<Torna indietro